DODOLINA e Le Amiche ARTISTE chez ESCHER… PalazzoBLU Pisa

DODOLINA lifestyle & more
mi vesto diCARMA

ARTE
Dodolina e Le Amiche Artiste… chez ESCHER
Palazzo Blu Pisa

dal Palazzo Blu, Pisa nonnaBLOGGER e la notizia

Quattro amiche piacevolmente immerse nell’arte di ESCHER

Seguitemi,
Si parte daME


Questa è una frase che mi rappresenta… però con una piccola aggiunta
“…unGIOCO moltoSERIO maALLEGRO ”
ioLAVORO & miDIVERTO

Inoltriamoci nelPERCORSO diESCHER dove tutto ha unSENSO

UnPERCORSO intercalato dai suoiMESSAGGI:
” Mentre disegno mi sento come unMEDIUM, controllato dalleCREATURE che sto evocando. E’ come se, esse STESSE, scegliessero le forme in cui apparire. ”

” Potrei riempire
un’intera secondaVITA
lavorando
alle mieINCISIONI

 

 

 

 

 

 

” Le cose
che voglioESPRIMERE
sono
cosìMERAVIGLIOSE e PURE “


Il padre, ingegnere,… fu una figura determinante nell’impronta educativa e artistica di ESCHER


Ritratto della moglie, sposata a Viareggio il 12 giugno 1924


Nella genialità di ESCHER c’è un FASCINOmatematico. GeometrieIMPOSSIBILI quadrati che diventanoPESCI, poiUCCELLI, poiUOMINI, e di nuovoQUADRATI.
La sua arte haINFLUENZATO anche il mondo delCINEMA e della TV…
alcuni riferimenti si trovano nella saga di Harry Potter.

Ecco la suaMETAMORFOSI

” Credo che produrreIMMAGINI,
come faccioIO,
sia quasi esclusivamente
questione di volerlo fare
davveroBENE

E con la Torre diBABELE…salutiamo questo incredibilePERSONAGGIO 

unaMOSTRA
meritevole di esser vista…invoglia a farBENE quello cheFACCIAMO
e lasciar perdere
laddove non c’è CHIAREZZA

PalazzoBLU
fino al 26 Gennaio 2018

Perle diBUONSENSO
” Chi saCERCARE
scopre che laMERAVIGLIA
è dentro di sè ”
( M.C. Escher )

“Those who Know to seek
find that beauty
lies within “

Grazie ad Escher per questo fantastico pomeriggio d’Arte
e grazie alle amicheARTISTE Graziella Bracci, Rosanna Costa,
Paola Menicagli, con cui ho condiviso pensieri & emozioni.

dal Palazzo Blu nonnaBLOGGER
la piumaROSA e le amicheARTISTE

Ciao
a domani con nuove notizie
Buona Vita

DODOLINA tips lifestyle & more
io mi vesto diCARMA
e TU?

 

nella WISHES LIST di CATERINA…

DODOLINA tips lifestyle & more
mi vesto diCARMA

TIZIANA
Dodolina Lifestyle  Caterina…Time
n
ella Wishes List di Caterina

dalla casaMAGICA nonnaBLOGGER & Caterina

Caterina ha già imbucato la sua preziosa WISHESlist
nella posta di Babbo Natale…
Si sta avvicinando un mese pieno di eventi…
CosaSUCCEDE nellaNOTTE fra il 30 novembre ed il 1 dicembre ?
Arriva l’angioletto JOY con il calendario dell’avvento.
Ogni giorno… un regalo da scoprire.
E il 6 dicembre? …Santa Claus.
Poi…la grandeNOTTE del 24  Eve Christmas e Babbo Natale arriva con ilSACCO stracarico diDONI.

Caterina. che ancora non sa leggere e scrivere, mi dice:
-Nonna, nonna scriviamo insieme la letterina con la lista…
Nel lungo elenco mette anche il libro che lei ha trovato sul mio tavolo…
La Sera delle Lucciole ” di Monica Riccetti.


-E’ mio? Mi ha chiesto mentre già lo teneva in mano…
-No cucciola, le rispondo…questo non è per te, ma…se vuoi lo possiamo scriverlo nella  lista…
-Sì, sììì d’accordo nonna,  lo chiediamo a Joy.
-Adesso, lo posso sfogliare?
-Certo…pian piano senza sguarcirlo

-Nonna questo l’hai comprato per i bambini poveri?
-Sì Caterina regaliamo unSORRISO anche a loro.

A Natale regalare un libro èBELLO…
La Sera delle Lucciole ” di Monica Riccetti
è unLIBRICINO da tenere presente
per farSOGNARE molti…BAMBINI!!!

Perle diBUONSENSO:
” C’è un solo modo
per varcare ilCONFINE
tra cielo e mare: tuffarsi.
Il confine tra sogno e realtà
non è invalicabile: TUFFATI!
( Monica Riccetti )

dalla casaMAGICA nonnaBLOGGER, Caterina
& la piumaROSA

Ciao
a domani con nuove notizie
Buona Vita

DODOLINA tips lifestyle &  more
io mi vesto diCARMA
e TU?

 

 

ZEROTRE & e le RICETTE di CATERINA…IO ADORO RUSTICHELLA e TU?

DODOLINA lifestyle & more
mi vesto diCARMA

CONSAPEVOLEZZA
Zerotre & le Ricette di Caterina…Io adoroRUSTICHELLA e Tu?

dalla cucina di nonnaBLOGGER…Io & Caterina

Caterina ama mangiareBENE…
fin da piccola adorava giocare con le pappe nella cucina dellaNONNA.
il suo adorabile cuscino sulla sedia… e lei,  alle prese con cappuccettoROSSO nel tentativo di imboccarlo…

Oggi…che è cresciuta la storia si ripete.
Prende il suo libricino di ricetteZEROTRE, sceglie il piatto del giorno, e  rivolgendosi al suo cappuccettoROSSO, quasi con laCONSAPEVOLEZZA
di un adulto, le dice  – ho preparato…” L’Alfabeto in Crema di Lenticchie ” mangia… che è salutare perTE!!!

 

 

 

 

 

 

 

CATERINA
invita anche le amiche
a mangiareZEROTRE di Rustichella
noi cuciniamoINSIEME e ci divertiamoINSIEME

Mia nipote, ha un olfattoRAFFINATISSIMO e sa riconoscere le coseBUONE…come RUSTICHELLA d’ABRUZZO

RUSTICHELLA, con la linea ZEROTREdedica la sua esperienza all’alimentazione per l’infanzia.
Al centro mette i principi della dietaMEDITERRANEA, una proposta
SANA e NATURALE che i bambini sannoAPPREZZARE.

In RUSTICHELLA
c’è laCONSAPEVOLEZZA di scegliere graniDURI per realizzare una pasta che garantisca un significativo apporto proteico.
ZEROTRE
offre l’eccellenza dellaQUALITA’
le migliori semole di graniDURI, provenienti da coltivazioniBIOLOGICHE

EVVIVA l’alfabeto ZEROTRE affogato in crema di Lenticchie!!!
 Caterina ed io stiamo preparando…

VOILA’ regaliamo anche aVOI laRICETTA:

Ponete le lenticchie in una pentola con dell’acqua fredda e aggiungete
1 spicchio d’aglio, 1 fogliolina di alloro, 2 pomodorini ed un pizzico di sale.
Una volta cotte, passate le lenticchie alMIXER, lessate la pasta e versatela nel passato di lenticchie ( a seconda del proprio gradimento, aggiungere un pò d’acqua di cottura  delle lenticchie ).
Aggiungete, infine nel piatto da portata un filo d’olio extravergine d’oliva ed una spolverata di Parmigiano grattugiato.

-Uh…deliziosa!!! dice Caterina me la spolvero TUTTA
ENJOY!!!

dove troviamo ZEROTRE di RUSTICHELLA?
” La casa del Fiordaliso ”
via Guerrazzi 24/26 Pontedera
tel. 0587/52763

Perle diBUONSENSO:

CommentiamoINSIEME?
confidenze@dodolinatips.it

dalla casaMAGICA di nonnaBLOGGER
il Natale di Caterina e… Felipe il piccoloLORD

Ciao
a domani con nuove notizie
Buona Vita

DODOLINA tips lifestyle & more
io mi vesto diCARMA
e TU?

 

 

 

 

LE SCARPE del PAPA 2a puntata

DODOLINA tips lifestyle & more
mi vesto diCARMA

TIZIANA
i miei libri
Le Scarpe del Papa

da Miami nonnaBLOGGER e la piumaROSA

BenTROVATI con la 2a puntata

” Le Scarpe del Papa “

 Quattro Chiacchiere in Salotto

Giulia si chiuse la porta alle spalle, e al fianco di Alberto, raggiunse l’ascensore per scendere al terzo piano.
L’appuntamento era per le 7,30 pm, e loro puntuali, erano già davanti alla porta. Uno splendido pezzo di antiquariato faceva da battente e invogliava a farsi annunciare con i rituali  tre colpi.
Ivana li accolse con molto calore, il sorriso sulle labbra e la luminosità dello sguardo facevano trasparire l’entusiasmo incontenibile di aver ritrovato Alberto, era un pezzo della sua vita, ma c’era anche tanta curiosità di conoscere meglio Giulia, nella speranza di trovare in lei una vera amica.

L’ambiente luminoso e ben arredato invitava a mettersi a proprio agio e a godere della vista di quei meravigliosi mobili antichi, arricchiti con pregiatissimi tappeti ed oggetti d’arte decorativa.

Non c’era niente che stonasse, ogni cosa disposta con  amorevole cura
era un inno gioioso alla vita, dalle foto di famiglia sapientemente raccolte ed incorniciate, agli importanti quadri che tappezzavano le pareti.

Uno in particolare, colpì la fantasia di Giulia: “ La bimba col cerchio “.

Davanti a quel dipinto, provò l’emozione di assaporare il genio di uno dei suoi pittori preferiti,  e di cogliere in esso, quella stessa gioia di vivere esaltata da Giovanni Boldini , nelle sue opere e  fra queste, c’era
il “ bimbo col cerchio “.
Non solo Boldini , aveva reso omaggio ai piaceri dell’esistenza…
Il pensiero di Giulia volò a Tissot, Renoir, Degas, Monet,  Manet, tutti artisti che, con abili pennellate, avevano fissato sulla tela ritratti di ragazze pronte a scoprire, una dopo l’altra, le piccole felicità che ogni giorno poteva offrire…
da una serata a teatro ad un mazzo di fiori profumati, da un simpatico cane
da accarezzare ad un ventaglio nuovo da collezionare, dove, fra una piega e l’altra, si leggeva la dedica lasciata da un ammiratore galante.
Situazioni sempre diverse, per ricordare attraverso la pittura, la varietà delle passioni e l’infinita bellezza della vita.

Ivana si avvicinò lusingata dall’interesse di Giulia per il quadro…
– quella bimba col cerchio sono io, disse. Sto giocando davanti al negozio di famiglia, nella piazza del Gambrinus, a Montecatini.
E’ un ritratto che mi ha fatto il pittore lucchese, Antonio Possenti.
Lo conosci? – No, rispose Giulia ma i suoi colori e le sue pennellate mi hanno  immediatamente ricordato altri pittori che adoro.
Ivana, sicura di compiacere Giulia, tracciò alcuni tratti della biografia dell’artista.
Si soffermò, sulla laurea da lui presa in giurisprudenza e,  su quanto poco si fosse dedicato  alla libera professione,  per consacrarsi definitivamente alla pittura.
In famiglia, respirò, fin da piccolo, una cultura artistica letteraria: il nonno grecista ed i due genitori insegnanti, influirono notevolmente sulla sua formazione.
Determinante, poi, fu il suo incontro con Chagalle intorno agli anni ’50.
Si dice che viaggiasse moltissimo, ma che alla fine, rientrasse sempre nella sua amata Lucca con grande entusiasmo.
Era la sua città magica. Gli amici intimi raccontavano che raccoglieva lì, ogni testimonianza dei suoi viaggi nel mondo, ed un enorme baule conteneva tutto. In questo, imitava i suoi antichi avi… gli avventurosi mercanti lucchesi.

La sua pittura racconta la favola umana, un incontro fra la realtà ed il mondo incantato, due stati d’animo che si incrociano, si plasmano e rivivono.
E’ una caratteristica di noi toscani, precisò Ivana con una  punta nostalgica.
La lieve incrinatura nel tono di voce, rivelava il forte amore per la sua terra, le sue radici, la sua famiglia, così i piacevoli ricordi di bambina  si fecero spazio.
Sono nata a Pescia, una rassicurante cittadina circondata da bei colli.
Quei pendii morbidi e rotondeggianti ci accolgono come un grembo materno, e silenziosamente ci invitano alle lunghe passeggiate a piedi.
Vecchie mulattiere e timidi sentieri, ci accompagnano attraverso  percorsi salutari, alla scoperta di autorevoli ville storiche immerse nel verde, in  netto contrasto, con le umili case coloniche che profumano di vita…con buoni sapori  e calde emozioni.
Visioni, che aprono un immediato dialogo col viandante…
per raccontare il loro dignitoso passato.

Sono opere naturali di rara bellezza, dalle quali, ognuno può attingere e gustare il nettare che sazia spirito, anima e corpo; immagini che allargano il cuore ed incitano l’uomo al risveglio.
Non a caso questa terra, ha dato i natali a notevoli letterati, musicisti, e pittori …  inebriati dalle dolci fughe di paesaggi che spaziano dall’isola Gorgona alla Capraia, scenari godibili dalle due piazzuole panoramiche, posizionate, sul crinale che separa le due valli: La Pescia maggiore…
dalla Pescia di Collodi.
Eh!!! sì, Collodi… gloriosa patria di Pinocchio.
Quel Pinocchio, ambasciatore d’Italia, tanto caro a grandi e piccini,
che ha portato in giro per il mondo la semplicità della gente della Valdinievole. Gente dignitosa e fiera di rispecchiare nel proprio stato d’animo, il medesimo spirito del  paesaggio.

( Valdinievole -stralci di vita quotidiana- lo zoccolaio ed il bambino curioso)

Collodi, pensato da molti lettori come il paesino nato dalla fantasia dell’ autore, è così vero, che lo si può toccare e consacrare come luogo ponte fra fantasia e realtà, dove l’incontro di due situazioni contrastanti mette in luce le nostre verità.

( La 1a copertina del libro di Pinocchio edizioni Bemporad 1929-
prezzo 2,75 centesimi -.
Pensieri, sensazioni, emozioni d’infanzia che vanno oltre l’immagine, quando la lezione a casa si faceva sul tavolo di cucina davanti alla mamma che sferruzzava e al babbo che leggeva il giornale. La cartella in fibra faceva partedel corredo scolastico, insieme al sussidiario, ai quaderni con lacopertina nera e l’etichetta bianca profilata di rosso, ai pennini, all’inchiostro
e all’astuccio di legno con il coperchio scorrevole ).

-Il mio cuore è Pesciatino, precisò Ivana, sebbene abbia lasciato Pescia ancora bambina. Avevo sette anni, quando ci siamo trasferiti a Montecatini per questioni di lavoro. E dire…che proprio lì, sotto i portici del Gambrinus, nel negozio del “ Sor Solmiredo “, si è giocato tutto il mio destino!

– Che storia curiosa! Disse Giulia
Ivana fu pronta alla risposta – la mia vita è un romanzo, se ti va ne possiamo parlare la mattina in piscina.
-Davvero saresti disposta a raccontarti? ribattè Giulia tutto d’un fiato, è un’opportunità da prendere al volo!

Guardandosi in giro, Giulia non faceva che imbattersi in una miriade di foto, testimonianze di  incontri con grossi personaggi rappresentativi di epoche diverse …
C’era tutto un mondo da scoprire, da quello più effimero dello spettacolo…
a quello blindatissimo del Vaticano.

Ivana,  versava lo champagne nei bicchieri… e con la coda dell’occhio seguiva Giulia tutta presa da quella giostra di immagini, fissate dallo scatto sapiente di un fotografo.
– Bene disse,  nei giorni prossimi noi due avremo un gran da fare, ma adesso vogliamo festeggiare con bollicine il nostro incontro?
Il ristorante è prenotato per le 9 p.m., se non siamo puntuali ci danno via il tavolo.
Il brindisi, accompagnato dal suono del classico cin cin, metteva  allegria.
Dalla terrazza arrivava il rumore della fontana zampillante fra le rocce,
mentre la leggera brezza, che faceva volteggiare le royal palms, portava un piacevole refrigerio nella stanza.
La serata si annunciava molto gradevole e un tantino stuzzicante.

( fine 2a puntata )

Perle diBUONSENSO:
” La vita è BELLEZZA
ammirala ”
( madre Teresa di Calcutta )

dalla North Tower nonnaBLOGGER
e…” le Scarpe del Papa ”

Ciao
a lunedì 4 Dicembre con la 3a puntata
Buona Vita

DODOLINA tips lifestyle & more
io mi vesto diCARMA
e TU?

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

INCONTRI con la PSICOTERAPEUTA GIUDITTA DANI “L’ADOLESCENZA”

DODOLINA tips lifestyle & more
mi vesto diCARMA

LIFESTYLE
Incontri con la Psicoterapeuta Giuditta Dani ” L’ ADOLESCENZA “

da Pontedera Via tosco Romagnola 201/C
nonnaBLOGGER e la notizia

Sono al centro Paolo Francini Ginnastiche&Massaggi,
per una breve intervista alla Dottoressa Giuditta Dani,
Pscicologa e Psicoterapeuta.
La incontro durante un momento di pausa.

Questa è la porta del suoSTUDIO
avvolgente&coinvolgente

Seguitemi,
si parte da me.

La Dottoressa, puntualissima, mi riceve …
in un ambiente, accogliente e colorato, che invita a soffermarci su alcuni particolari.

Come avvolta in un tenero abbraccio,  completamente a mio agio,
mi siedo davanti a Lei.
Alcuni complimenti per la scelta degli arredi,  e inizio l’intervista.

Dottoressa DANI, l’argomento che vorrei affrontare, oggi con lei, è la delicata fase dell’ADOLESCENZA.
Una specie diOSSERVATORIO di come i ragazzini alle prese con queste metamorfosi fra corpo, emozioni e pensieri, si rapportano con laFAMIGLIA.
Di fronte alle problematiche che caratterizzano la faseADOLOSCENZIALE, tendono a confidarsi con i propriGENITORI o preferisconoISOLARSI…
con un approccio fai daTE?

-Il periodo diADOLESCENZA
è un momento in cui il processo di separazione/identificazione non avviene più attraverso leFIGURE genitoriali, ma fuori diCASA.
L’elemento cardine è ilGRUPPO ed il confronto con l’esterno.
Il ruolo deiGENITORI è quello diOSSERVARE e SOSTENERE l’indipendenza senza entrare ed invadere loSPAZIO che loro stanno conquistando.
IlGENITORE non è più ilCONFIDENTE, ovviamente, questo non è indice di unaPROBLEMATICA ma di un processo di sviluppoSANO.
E’ necessario mantenere dei buoniCONFINI, gli adolescenti devono avere la loro privacy ( cameretta, scrivania… ).
I ragazzi come si rapportano allaFAMIGLIA?
E la famiglia come si rapporta aiRAGAZZI?
L’essereGENITORE implica, in tutte leTAPPE di sviluppo ed in particolar modo nell’adolescenza, un percorso diCRESCITA che noi tendiamo ad attribuire aiRAGAZZI ma in realtà riguarda sia noiADULTI che iRAGAZZI.
Il compito è un compito diCRESCITA &CAMBIAMENTO in comune.
Riguarda laRELAZIONE.
Dobbiamo imparare a camminareINSIEME a loro.

Dottoressa DANI,  per iGENITORI esiste unMETODO che li aiuti ad affrontare tematiche cosìFORTI come l’ADOLESCENZA?

-Non esistono metodi o strumenti.
Quello che possiamo fare è aiutare i ragazzi ad esplorare il loro mondo emotivo.
Questo significa creare i presupposti affinchè possano fare esperienze
dei loro stati d’ANIMO.
VIVERE con loro quello che stannoVIVENDO.
Gli adolescenti non chiedono di trovareSOLUZIONI x LORO, ma di non essere SOLI in quello cheVIVONO.

Un ragazzino di 13 anni una volta mi haDETTO:
-Non mi piace laMORTE, tu lo sai cosaSUCCEDE?

-No, le ho risposto.
Non lo so perchè, per ora, non sonoMORTA.

Mi congedo dalla Dottoressa DANI,
ma gli incontri con la Psicoterapeuta saranno unMUST mensile da nonPERDERE.

Un grazie, diCUORE, alla dottoressa GIUDITTA DANI che ci ha dedicato una parte del suoTEMPO  per dibattere con noi su un argomento importante come l’ADOLESCENZA, periodo di cambiamento ricco diTRASFORMAZIONI.

Contatti GIUDITTA DANI
M. 380 31 57641
info@giudittadani.it

Perle diBUONSENSO:
” CrescereINSIEME ai figli
è dare continuità
a quel Progetto d’AMORE …
che si chiamaVITA ”

ParliamoneINSIEME

confidenze@dodolinatips.it

 Paolo Francini
Ginnastiche & Massaggi
M.3474955783
info@paolofrancini.it

da nonnaBLOGGER e la piumaROSA

Ciao
a domani con nuove notizie
Buona Vita

DODOLINA tips lifestyle & more
io mivesto diCARMA
e TU?

 

EMANUELE VISCUSO…PIONIERE D’ARTE ALLARGATA

DODOLINA tips lifestyle & more
mi vesto diCARMA

ARTE
Emanuele Viscuso…Pioniere d’Arte Allargata

da Parigi  Consolato Generale d’Italia
nonnaBLOGGER e la notizia

Dodolina che si occupa solo di notizie diNICCHIA, oggi è lieta di annunciare alMONDO… una chicca davveroECCEZIONALE…

da un’idea di EMANUELE VISCUSO
Sabato 25 Novembre, al Copnsolato Generale d’Italia a Parigi,
si parlerà

dell’ECCELLENZA del CIBO ITALIANO nello SPAZIO

L’occasione è porta dalla 2a settimana della Promozione della Cucina Italiana nel Mondo che si tiene a Parigi dal 20  al 25 Novembre.
Luisa Pollo, delegata dell’Accademia della Cucina Italiana sezione di Parigi, non si è lasciata scappare questa grande opportunità per imbandire una tavola rotonda, supportata da illustri personalità come la Console Generale d’Italia dell’Ambasciatore Italiano per le Organizzazioni Internazionali e alcuni membri dell’Accademia già appartenenti all’ESA ( Agenzia Spaziale Europea ).

TITOLO

” L’ECCELLENZA del ciboITALIANO nello SPAZIO PRESENTE e FUTURO ” 


SOTTOTITOLO

” 10mo ANNIVERSARIO del 1mo CONVIVIO SPAZIALE “
dall’idea originale di EMANUELE VISCUSO

chi è EMANUELE VISCUSO?

Ho conosciuto Emanuele Viscuso a Miami, durante un happening dell’Accademia della Cucina Italiana, e lui ne era il Presidente.
Una persona colta e piacevole da ascoltare.
Un palermitano doc, laureato in legge, con una miriade di interessi che ha vissuto per diversi anni a Miami e attualmente si trova in Messico.
E’uno scultore di fama internazionale e apprezzato poeta- musicista, oltre ad essere ideatore e Presidente del Festival Siciliano del Cinema che si svolge a Miami, nella primavera di ogni anno.

Porta ovunque il suoPENSIERO artisticoCREATIVO.
Amo definire questo incredibile personaggio…

il ” PIONIERE d’ARTE ALLARGATA
Le sue mani creano OPERE che comunicano una silenziosaBELLEZZA,
esse regalano EMOZIONI…
Il pubblico di oggi, è quello che si affeziona ad un’IDEA…
Le IDEE di Emanuele Viscuso, sempre molto originali e centrate nell’obiettivo, parlano un linguaggio preciso e si presentano con un gusto ed uno stile
che riflettono l’IDENTITA’ di colui che le ha portate inVITA.

Nel 2007, l’astronauta iltaliano dell’ESA, Paolo Nespoli per celebrare l’arrivo alla Stazione Spaziale Internazionale di un modulo ” Made in Italy “, offrì ai suoi compagni di equipaggio il primo convivio dellaSTORIA  a base di cibo Italiano.
Nel menù c’erano piatti con fregola sarda e peperoni, brasato al barolo e ricci di mandorle prodotti in Sicilia.
L’evento fu promosso dall’allora delegato AIC di Miami Emanuele Viscuso,
il quale persuase la NASA, l’Agenzia Spaziale Italiana ( ASI ) e l’Agenzia Spaziale Europea ( ESA ) ad offrire agli astronauti non solo un pasto di sopravvivenza, ma un momento di tripliceVALENZA:

Eccellenza, Convivialità, Valore Culturale.

Dieci anni dopo, proprio quando Paolo Nespoli è di nuovo nella Stazione Spaziale Internazionale per una missione di sei mesi ( progetto ASI ) facciamo il punto sull’eccellenza della cucinaITALIANA nelloSPAZIO.

Ne abbiamo fatta diSTRADA…

Grazie all’idea INIZIALE di Emanuele Viscuso…
Cibi ITALIANI
consumati regolarmente sulla Stazione Spaziale Internazionale da astronauti di tutto ilMONDO e…a fine pasto c’è anche un buonESPRESSO.

QUANTI sanno
che l’acqua bevuta dagliASTRONAUTI arriva da TORINO?

I miei complimenti personali a Emanuele Viscuso
per la sua vivacità creativa, instancabile pensatore
di GRANDEvisione.

Grazie Emanuele della tua cara amicizia e…voglio ricordare, con  alcuni scatti, te e la tua ECCEZIONALE casa di Miami, che ho avuto modo di apprezzare sia per la sua fantastica posizione che per l’ estro dei tuoi arredi, compresa la carta da parati tromp l’oeil da te creata.

The last but not the least la tua BRAVURA in cucina…
Un convivio indimenticabile …Tu, Gabriella Livio ed io.
Grazie ancora, Tiz

Perle diBUONSENSO:
” i Talenti sonoDONI
da rispettare, coltivare e risvegliare
affinchè il mondo li possa ammirare ”

da Parigi nonnaBLOGGER e la piuma Rosa

Ciao,
a domani con nuove notizie
Buona Vita

DODOLINA tips lifestyle & more
io mi vesto diCARMA
e TU?

 

 

 

MARIApiaSILVESTRE…il CAROSELLO di CATERINA ciak siGIRA

DODOLINA tips Lifestyle & more
mi vesto diCARMA

TIZIANA
Dodolina Lifestyle
MARIApiaSILVESTRE…il Carosello di Caterina
Ciak si Gira 

dalla casaMagica di nonnaBLOGGER

-Specchio specchio delle mieBRAME chi è la più bella delREAME?

-” Oh!… cara la mia NONNINA
vero è
che CATERINA
è assai più bella di TE ”

-Allora…Specchio, specchio MIO
CATERINA sfilerà per… Maria Pia
con un defilée pieno di BRIO!!!
fra canti, balli, e magia…


Caterina APPARE
di pull vestita
con ORSO POLARE.
Lei così divertita…

 inizia il CAROSELLO
– che gran figata!!!
che gioco BELLO
mi sono inventata!!!

 nell’armadio della NONNA
tanti pull da indossare
senza pant e senza GONNA
certo è proprio unBEL  sognare!!!

…Così chiudo ilCAROSELLO
e…  nell’occasione
metto anche un belGIOIELLO

Grazie a Maria Pia Silvestre,
stilista diIDEE

IDEE che catturano nonSOLO i  grandi…
Caterina vorrebbe avere un guardaroba tutto suo
firmato…     MARIApiaSILVESTRE.

IDEE che emozionano… MARIApiaSILVESTRE

IDEE che non finiscono mai di sorprendere… MARIApiaSILVESTRE

Viva laMODA, Viva la creativitàARTIGIANALE, Viva… MARIApiaSILVESTRE!!!

Perle diBUONSENSO:
” La MODA
la fa chi la AMA ”
( Gabrielle Bonheur )

dalla casa magica di nonnaBLOGGER , Caterina
e la piumaROSA

Ciao
a domani con nuove notizie
Buona Vita

DODOLINA tips lifestyle & more
io mi vesto diCARMA
e TU?

 

 

 

 

Vania Cenzatti…ORAFA per PASSIONE

DODOLINA tips lifestyle & more
mi vesto diCARMA

CONSAPEVOLEZZA
Vania CENZATTI Orafa per Passione

da Pontedera, via Castelli, 17
nonnaBLOGGER e la notizia

Un Nome…CENZATTI
Uno stile…CENZATTI

Un’idea…CENZATTI

                       Nessunai dea…CENZATTI

 

 

 

 

 

Centomila idee…CENZATTI

Una…Nessuna…Centomila
idee…CENZATTI  con Vania CENZATTI
orafa… per passione

CENZATTI… la consapevolezza di scegliere eccellenza e qualità artigianale.
L’ideaCENZATTI …crea EMOZIONE perchè nasce dalCUORE.

A Natale… amati 

a Capodanno… lasciatiAMARE volteggiando in unPREZIOSO  giro di Valzer…
CENZATTI ama

CENZATTI…crea

CENZATTI…emoziona                                      CENZATTI è… CENZATTI

Perle diBUONSENSO:
” Io ti AMO
Tu mi AMI
Noi ci AMIAMO ”

CommentiamoINSIEME?

confidenze@dodolinatips.it

da Pontedera CENZATTI via Castelli, 17
nonnaBLOGGER e la piumaROSA

Ciao,
a domani con nuove notizie
Buona Vita

DODOLINA tips lifestyle & more
io mi vesto diCARMA
e TU?

 

 

 

 

 

 

Le SCARPE del PAPA 1a puntata ( storia vera )

DODOLINA tips lifestyle & more
mi vesto diCARMA

TIZIANA
i miei libri
Le Scarpe del Papa

da Miami nonnaBLOGGER e la piumaROSA

BenTROVATI  con questo mio nuovo libro dal titolo
Le Scarpe del Papa “.

E’ una storia vera, da me raccolta durante i miei lunghi periodi invernali a Miami.
La protagonista Ivana Cella vive lì…ma le sue origini sono toscane.
L’allora ragazzina di Montecatini Terme…
coltivava nel cuore il sognoAMERICANO…

QUALE?
…e ” Le Scarpe del Papa ” cosa hanno a che fare con la vita di Ivana?

ScopriamoloINSIEME di puntata in puntata…
e di avventura in avventura.
Enjoy!!!


La cara e dolce North Tower… qui l’inizio,
davanti a questo MAGNIFICO panorama la mia scrittura fluiva libera e vera.

 

Tiziana Bracci

 

LE SCARPE DEL PAPA

 

“ La vita è opportunità, coglila.

La vita è bellezza, ammirala.

La vita è una sfida, affrontala.

La vita è preziosa, abbine cura.

La vita è una ricchezza, conservala.

La vita è amore, godine.

La vita è mistero, scoprilo.

La vita è dolore, superalo.

La vita è un inno, cantalo.

La vita è lotta, accettala.

La vita è un’avventura, rischiala.

La vita è felicità, meritala.

La vita è vita, salvala “.

( Madre Teresa di Calcutta )

 

 

 

DAVANTI ALL’ASCENSORE

E’ forse Giulia, un’abile cacciatrice di storie, o sono le storie stesse a rincorrere Giulia per la loro smania di essere raccolte, raccontate, e soddisfatte nella loro vanità nascosta?
La domanda nasce spontanea, alla luce di una incredibile casualità.

Giulia ed Alberto camminavano frettolosamente nella hall della North Tower , carichi di pacchi, erano arrivati a Miami solo da pochi giorni ed il dolce tepore floridiano, invogliava a rinfrescare il guardaroba.

Arrivati davanti all’ascensore, come ogni volta, Giulia si mise a giocherellare per indovinare quale dei tre sarebbe arrivato per primo.
Inaspettatamente, la porta di quello centrale si aprì, facendo ala al passaggio di un’elegante signora che, colta di sorpresa, si piantò davanti con gli occhi sgranati.
– Alberto! Esclamò, e con un grande sorriso gli andò incontro a braccia aperte.
Lui per contraccambiare, liberò le sue mani mollando tutto per terra.
– Ivana!!! che bello ritrovarti, quanto tempo…
Erano passati vent’anni dal loro ultimo incontro.

Alberto aveva lasciato la North Tower intorno agli anni ’90, ma aveva continuato ad amare profondamente quel luogo, e quell’amore intenso lo aveva portato di nuovo lì, insieme a Giulia, la sua compagna.
Ripresosi dallo stupore, Alberto fece le presentazioni, e le due donne si piacquero.
Si scambiarono complimenti, e in un attimo socializzarono come due vecchie amiche.
Ivana, stava uscendo per un cocktail ed era già in ritardo, ma ugualmente volle fissare per una serata insieme. Aperitivo da lei e cena in un buon ristorante.

– Per voi, va bene venerdì alle 7,30 p.m.?
– Venerdì? Perfetto, sarà un vero piacere dissero mentre la porta dell’ascensore stava per chiudersi.
Un bell’incontro da sigillare proprio con un brindisi all’amicizia, commentò Alberto, ovvero, all’amica ritrovata davanti all’ascensore, nel tardo pomeriggio di un anonimo mercoledì di Gennaio.
Un puro caso?
Durante la cena, Giulia ed Alberto continuarono a parlare di quella simpatica toscana approdata a New York, e trasferitasi definitivamente a Miami per la malattia del marito che non poteva tollerare un clima freddo.

Richard, era stato il grande amore della sua vita, e come tutte le belle storie era arrivato in modo travolgente ed inatteso, dopo tante traversie, caparbietà e ribellioni.
Ivana, volitiva e forte, non si era  piegata alla vita di provincia ma aveva lottato tenacemente per sfuggire a quel destino casereccio e troppo stretto per le sue aspettative.
Una donna con un  temperamento vivace e predisposto ad abbracciare i grandi cambiamenti, un sogno ambito fin da bambina, che puntava a portare sostanziali innovazioni  nella sua vita per migliorare la sua posizione personale e professionale.

( fine prima puntata )

Perle diBUONSENSO:
” La vita è un’opportunità
coglila ”
( madre Teresa di Calcutta )

dalla North TOWER nonnaBLOGGER
e …” Le Scarpe del Papa ”

Ciao
a lunedì 27 novembre con la 2a puntata
Buona Vita

DODOLINA tips lifestyle & more
io mi vesto diCARMA
e TU?

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

MOSTRE ” L’OPERA dei PUPI…una TRADIZIONE in VIAGGIO “

DODOLINA tips lifestyle &  mure
mi vesto diCARMA

LIFESTYLE
Mostre ” L’OPERA dei PUPI…una TRADIZIONE in Viaggio “

da Roma nonnaBLOGGER e la notizia

Assolutamente da non perdere dal 7 Novembre al 3 Dicembre a ROMA
l’appuntamento con la tradizione folcloristicaSICILIANA, dedicata al teatro delle marionette, una tradizione giunta fino a noi attraverso la completa dedizione di una famiglia d’arte che negli ultimi cinquant’anni si è impreziosita grazie al contributo di Mimmo Cuticchio.

Questo membro della famiglia Cuticchio, ha fatto conoscere nelMONDO l’OPERA dei PUPI…un viaggio di palcoscenico in palcoscenico e
di successo in successo.
Oggi i PUPI di Cuticchio li troviamo in mostra a Roma al Palazzo del Quirinale, presente all’inaugurazione il Presidente, siciliano, Sergio Mattarella.

Ho incontrato personalmente il Signor Mimmo Cuticchio a Palermo,
nel Luglio scorso, e sono rimasta colpita da quest’uomo, figlio d’arte,
per il grande entusiasmo e la forte volontà che mette nel custodire ilTEMPO…  le sue
” TRADIZIONI
in viaggio
50 anni diATTIVITA’.

ALLORA?
tutti a ROMA dal 7 Novembre al 3 Dicembre
al Palazzo del Quirinale

ScopriamoINSIEME
L’OPERA dei PUPI di PALERMO

Grazie a Mimmo Cuticchio,
custode delTEMPO, che tiene alto il nome della famiglia CUTICCHIO
attraverso i suoi libri e le varie performances in giro per ilMONDO.

Perle diBUONSENSO;
” Per gli adulti unaMEMORIA
per i giovani unaSCOPERTA ” ( Mimmo Cuticchio )

ParliamoneINSIEME

confidenze@dodolinatips.it

da ROMA nonnaBLOGGER e la piumaROSA

Ciao
a domani con nuove notizie.
Buona Vita

DODOLINA tips lifestyle & more
io mi vesto diCARMA
e TU?