Dear IRIS you are awesome

E arriva LEI, icona di stile e ” Bibbia della moda “.
Sì proprio LEI… la straordinaria  Iris Apfel.
LEI è la donna che piace maledettamente, la donna che non ha bisogno di petizioni per affermarsi, che non ha bisogno di leggi per consacrarsi, che non si imbatte in  rivoluzioni estetiche perché  non teme i segni, del tempo.
LEI  che fa tutto per puro piacere, LEI  che mostra la faccetta stupita come fanno i bambini, LEI  che sembra nata per allietare il mondo, LEI che gioca con i  tessuti e con i colori,  coperta di tanto e scoperta di niente.
LEI è  semplicemente ” Madame Iris “, le sue scelte stravaganti  la incoronano emblema di originalità.  E la moda l’ha scelta.
Solo una donna emancipata come LEI sa raccontare, nella cristallizzazione di uno scatto, come il corpo agisca con un’interezza. Ogni parte è connessa all’altra e tutte comunicano fluidamente, ognuna attraverso le altre.
Non si può dunque conoscere una parte senza riconoscerne la relazione profonda con ogni altra. Vale per il corpo e anche per la mente.
E vale per l’anima.
Un buon osservatore non trascura il tesoro che si cela nei suoi occhi,
ricchezza di sentimento, amorevoli emozioni, nobili esperienze di vita.
Giovani signore rampanti che cercano nell’arte il loro quarto d’ora di notorietà, nell’intento di crearsi una identità,  osano scimmiottarla con collane super eccessive ed occhiali sgargianti, dalle forme più improponibili.
Il risultato? Sembrano solo brutte copie della vera regina, dell’arte.
Ben arrivata Madame Iris Apfel, risuscitatrice di uno stile che veste il palcoscenico VITA,  con un insolito mood carico di brio e di fascinosa magia.
Luchino Visconti diceva, a ragione: ” il difficile di una regia è mettere in scena “.
Mi inchino ad Iris, LEI ci riesce divinamente.
Le sue divertenti  interpretazioni danno spazio agli accessori e lasciano puntare su di essi, i riflettori. LEI, con i suoi cento anni festeggiati il 29 agosto, riempie le immagini di genio, tanto da non farci avvertire nostalgie o rimpianti
per giovanissime top model.
Iris è  la ” sciura “, acculturata e birichina che, con ammirevole simpatia,
ha portato l’estro in passerella. L’ha fatto elegantemente e con una libertà  che  solo una imprenditrice, viaggiatrice, osservatrice, estimatrice del bello come LEI,  poteva permettersi, aggiungendo qua e là, tocchi di bizzarra creatività.
Dear Iris,
tu sei straordinaria.

 

tiziana bracci – rubrica: Capriole sull’albero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *